er conte paolo e er sor brassens

dù spettacoli ar prezzo de uno


Panopria de canzone de ‘r noto notaio,

straccamente riaccroccate a la bbisogna

ne ‘r vituperato slenghe capitolino


e


Brassens scriveva ggià de ‘r suo, senza sapello, mezzo ‘n romano.

Noiartri, senza troppa fatica, n'amo traslitterato i testi da ‘r francese

Pure riportà l’arangiamenti verso lo swing è stato ‘n’attimo,

perché er sor Giorgio, bon’anima, suingava ‘na cifra

 

pe ffatte 'na mezza idea de i bbrani:

 

conte

azzuro

la vance

l'impermeabbili

bbartali

come dì...

 

brassens

la maestra de scòla

l'ombellico de le mojji de l'aggenti

marinetta

i dù zzii

er gorilla